La giovinezza è felice perché ha la capacità di vedere la bellezza. Chiunque sia in grado di mantenere la capacità di vedere la bellezza non diventerà mai vecchio”

(Franz KAFKA)

Con il termine di fillers (dall’inglese to fill= riempire) si intendono trattamenti iniettivi miranti a ridurre rughe o depressioni.

Sono tra i trattamenti medico-estetici più richiesti.

Dalla metà degli anni “80 del XX secolo ad oggi si è registrata una notevole evoluzione nella storia dei fillers, sia per quanto riguarda i prodotti utilizzati sia per le tecniche di impianto. Poiché l’imperativo è quello di ottenere un aspetto sano e naturale che preservi l’unicità di ogni volto, si è andato delineando l’utilizzo sinergico di diverse tipologie di fillers, prevalentemente a base di acido ialuronico, che si differenziano tra loro sia per i componenti base sia per le concentrazioni degli stessi.

L’approccio è dunque di  un Total Face Treatment rivolto a trattare sia le rughe più superficiali che quelle più profonde.

Le zone più indicate per un trattamento di filler sono:

-rughe naso-geniene(collegano il naso alle commessure labiali, ed il loro riempimento concorre a ridurre l’aspetto “stanco” del viso)

-rughe glabellari (si trovano tra le arcate sopracigliari e contribuiscono a dare un aspetto “accigliato” del volto)

– rughe perioculari

-rughe perilabiali

Particolare attenzione viene posta alla zona delle labbra (sia come aumento volumetrico della mucosa sia come ridefinizione dei contorni labiali) nonché all’area zigomatico-malare, il cui trattamento dona un piacevole effetto lifting, senza alterare le caratteristiche salienti del volto.

Prima dell’inoculazione di fillers l’area viene trattata con una pomata anestetica al fine di ridurre la sensazione di fastidio legata alla iniezione stessa.

La durata dell’effetto dato dai fillers è strettamente dipendente dallo stato di idratazione della pelle, ma in condizioni ottimali può raggiungere anche gli 8-10 mesi

Call Now Button